Diritto Penale
Assistenza Legale
Diritto Commerciale e Societario
Consulenza Legale
Diritto di famiglia
Intervento Legale
Diritto del lavoro
Soccorso Legale
Diritto Previdenziale
Assistenza e Consulenza Legale
Diritto dei Minori
Assistenza e Consulenza Legale
Responsabilità Medica
Parere Legale
Responsabilità Professionale
Assistenza e Consulenza Legale
Diritto Condominiale e delle Locazioni
Indicazioni Legali
Risarcimento Danni da Circolazione Stradale
Intervento Legale
Diritto Assicurativo
Assistenza e Consulenza Legale
Guida in stato di alterazione
Assistenza e Consulenza Legale
Diritto Internazionale Russia e CSI
Costituzione Societarie Eurasec
Diritto Bancario
Assistenza e Consulenza Legale
Diritto del Consumo
Assistenza e Consulenza Legale
Diritto degli Animali
Assistenza e Consulenza Legale

In tema di separazione personale, la decisione che nega il diritto del coniuge al mantenimento - o ne riduce la misura - non comporta la ripetibilità delle maggiori somme corrisposte in forza di precedenti provvedimenti non definitivi, qualora, per la loro non elevata entità, tali somme siano state comunque destinate ad assicurare il mantenimento del coniuge fino all'eventuale esclusione del diritto stesso o al suo affievolimento in un obbligo di natura solo alimentare, e debba presumersi, proprio in virtù della modestia del loro importo, che le stesse siano state consumate per fini di sostentamento personale.

Nel caso di specie, la Suprema Corte, rigettando il ricorso, ha ritenuto di confermare la pronuncia impugnata con la quale la corte del merito, nell’ambito di un giudizio di separazione dei coniugi, aveva riconosciuto a favore della moglie ed a carico del marito un assegno di mantenimento nella misura di mille euro mensili. In particolare, la Corte, alla luce della giurisprudenza di legittimità formatasi sul punto, ha ribadito tanto la irripetibilità delle somme corrisposte dal ricorrente al coniuge dalla sentenza di separazione personale fino alla successiva pronuncia di divorzio, quanto quelle percepite dalla medesima controricorrente in forza del provvedimento presidenziale.

5 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 5.00 (1 Vote)
on 04 Dicembre 2015
Visite: 480

Avvocato Simona Russo Bergamo

Iscritta all'ordine degli avvocati di Bergamo

SEDE PRINCIPALE: Studio Legale Bergamo Avv. Russo  (BG) - 24122 - Via Zelasco n. 18

SEDE SECONDARIA: Studio Legale Seregno (Monza) c/o Avv. Massimo Trabattoni -20831-Via Torricelli n.40

Centralino unico: Tel/Fax: 035.217177 - Tel: 035.248649

​​​EMAIL: info@avvocatosimonarusso.it

FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS FeedPinterest
Pin It
  
Sopra

Utilizziamo i cookie per offrirti un servizio migliore e personalizzare la tua esperienza. Se continui nella navigazione ci autorizzi all’uso dei cookie, altrimenti puoi sempre decidere di accettarne solo alcuni o non accettarne affatto.